Categorie
Poesia

Prossima Distanza

Sono entrato 
in questa Distanza
e ti ho raggiunta.
Nell'assenza
quasi innata, 
ma presente,
in qualche modo.

Come ti ho trovata
mi chiederai.

Brilla ancora di te
un sorriso trafugato
alle crudeli Moire:
un cono sfilacciato 
che flette lo spazio.

Non potevo sbagliarmi.

Questa Distanza
è confortevole,
tra tutte quelle finora percorse
- a tentoni, a carponi,
in dolorosa prostrazione -
io qui mi fermerei.
Tra queste agavi
e questa sabbia, 
e questo azzurro deserto
disporrei il bivacco,
un fuoco e qualche parola
decaduta in sussurro.
Con calma 
organizzerei la ricerca
della tua vacuità.

Sì è vero,
mi rinfacciano 
i tuoi muti contorni,
il mio trasandato
disprezzo per 
lo Spirito, per il Cielo
gonfio di candore,
è stato un macigno
nel tuo cuore fremente,
nel tuo pensiero
inondato di sangue e fede.

Ma ti assicuro
sono cambiato.
Programmerò
il mio confino
in questa regione,
riuscirò perfino
a darti un profilo,
un'assenza prestabilita.
E poi potrò pensare 
di elevarmi
fino al tuo Dio
per sfigurarlo con la mia
prosaica missione.

Le Distanze intanto
ruotano in perfetto asse 
intorno a questo piano 
che di cartesiano non ha più nulla.
Cerco di sviare i miei occhi da te
guardando quelle cieche orbite
mentre vorticano 
mentre scorticano l'aria.

Ma non ho più fiato.
La tua impalpabilità
mi annerisce i denti.
Mancano le leggi,
o forse
manca un refolo di vita,
per uscirne fuori,
per dirimere il paradosso.

Le Distanze vacillano
collidono
stridendo
coincidono,
mi franano addosso,
illudono gli occhi
in morta Parata.

Rimane solo 
- lontana - la tua remota risata,
la deriva dello spazio,
prima ancora della memoria,
lo strazio
ineluttabile
della tua storia
già fuggita,
già perduta.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.