Archivio tag: galleria d’arte

Leonardo Casali “New York Before” – Mostra fotografica

GALLERIA D’ARTE VENTITREESIMA
dal 23 Maggio al 23 Luglio 2008

Venerdì 23 Maggio 2008 alle ore 21.00, la Galleria d’Arte Ventitreesima, sotto la direzione artistica di Giovanni Cenni, inaugurerà la mostra fotografica di Leonardo Casali “New York Before” con una grande festa che animerà i suoi spazi affacciati direttamente sul mare di Cattolica.

Le opere presentate raccontano una New York che agli occhi dell’artista oggi non c’è più, lui che l’ha vissuta per tanti anni in quel periodo “caldo” che va dalla fine degli anni ’80 alla fine dei ’90, una New York, per dirla con le parole del critico Ivo Bonacorsi «non è la città immortale, ferita e sfigurata per sempre nei primi anni del nostro millennio, ma si è trasfigurata ai nostri occhi nella chemioterapia a tolleranza zero, la stupefacente arma nelle mani del mago repubblicano Rudolph Giuliani.

Questo gruppo di foto di Leonardo Casali ne raccontano la lunga agonia». E poi scene tratte da manifestazioni di strada, violenze durante gli arresti, raduni in cui i manifestanti brandiscono cartelli con più case e meno poliziotti, vita urbana che porta in sé quel sapore amaro dell’ascesa catastrofica del liberismo reaganiano.

Ma New York «è sempre fotogenica nell’overdose di immagini attraverso cui la conosciamo», e nei ritratti di celebrities (Pendleton, Quinn, Schnabel) e nei volti anonimi immortalati «c’è tutta la città quando ancora era abitata da una società civile[…].

Le foto di Leonardo Casali cercano una contiguità psicologica con una America spirituale, una geologia dell’anima, come un cantiere urbano d’emozioni e vite vere. Prima che una coltre di glossy istupidente la seppellisca come le città mitiche troppe volte promesse» (I.B.).

Leonardo Casali (Rep. di San Marino, 1961) dai primi anni ’80 inizia a lavorare con alcuni tra i migliori fotografi internazionali di moda e ritratto (Fabrizio Ferri, Oliviero Toscani, Herb Ritts, Bert Stern ecc.).
Dopo due anni si trasferisce a New York, dove resterà per 11 anni collaborando e pubblicando servizi fotografici di moda, reportage giornalistici e ritratti per riviste quali : USA Time, News Week, Allure, Harper’s Bazar, Glamour, GQ, Marie Claire.
Tornato in Italia ha realizzato servizi per Vogue, Elle, Grazia, Amica.
Ha al suo attivo tre pubblicazioni “Due storie di Maremma” del 1991, “Fuori Pista” del 1999 e “Sammarinesi” del 2003.
In questi anni ha partecipato a numerose aste, mostre collettive e personali in Italia, Francia e Stati Uniti.

Galleria XXIII si trova in
via Don Minzoni n° 69 CAP 47841 Cattolica (Rn)

Aperta dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00.

Ingresso libero.

Uff. stampa: Ilenya Fraternali tel. 0541 830345

e-mail: galleria.ventitreesima@gmail.com

Inaugurazione Colllettiva alla Galleria Ventitreesima di Cattolica

MOSTRA COLLETTIVA
dal 05 Aprile al 23 Maggio 2008


Sabato 05 Aprile 2008 alle ore 20.00 la Galleria d’Arte Ventitreesima di Cattolica inaugurerà una mostra collettiva di pittori e scultori contemporanei italiani, organizzata con l’obiettivo di creare un’ideale tavola rotonda intorno al quale artisti provenienti da ambiti stilistici molto differenti si incontrano per scambiarsi le proprie esperienze e il proprio modo di concepire il fare arte oggi. Il risultato è un insolito accostamento tra opere che sembrano provenire da altri tempi, grazie al recupero di tecniche particolari come l’acquatinta utilizzata nelle stampe di Serafini, il linoleum in Giovanni di Carpegna, il mosaico di Marialuisa Tadei, o alla rivisitazione di un realismo magico nei quadri di Baldacci, e altre invece dalla carica espressionista, come quelle presentate da Maria Pia Campagna o da Oscar Baffoni.


A loro volta le piccole sculture in bronzo di Paolo Soro o quelle in ferro di Carlo Moschella pur portando in sé un sapore arcaico, di misteri lontani, vivono in maniera disinvolta tra le motociclette dell’Acciari, il plexiglas di matrice concettuale di Flavia Rebecchini, i libri di piombo di Leonardo Nobili e l’ironico personaggio della Onniboni. Il percorso è eterogeneo, ogni artista propone se stesso attraverso un linguaggio cromatico e segnico che scaturisce dalla propria ricerca, non è una corrente, ma è fluire d’idee che s’intrecciano, si scontrano e si fondono. Il gruppo che si propone, opera in piena libertà, autonomamente senza che i rispettivi linguaggi influenzino l’altro, senza che si senta l’esigenza di avere una linea di condotta comune, un filo conduttore, ognuno si muove liberamente, ma nel frattempo si muovono all’unisono verso un punto comune d’arrivo, far conoscere le proprie opere, e la personalità che muove ognuno di loro. (Ilenya Fraternali)

SABRINA ACCIARI

OSCAR BAFFONI

LUCIANO BALDACCI

MARIA PIA CAMPAGNA

GIOVANNI DI CARPEGNA FALCONIERI

ROBERTA GIOVANNINI ONNIBONI

CARLO MOSCHELLA

LEONARDO NOBILI

FLAVIA REBECCHINI

GIULIO SERAFINI

PAOLO SORO

MARIALUISA TADEI