Nero Notte Teatro – Il cuore nero di 800 Festival

Al Castello di Meleto dall’11 al 13 luglio una rassegna di teatro “noir” e di atmosfere ottocentesche: dal teatro d’attore al nouveau cirque, dal teatro itinerante al teatro di figura dalle narrazioni alle sonorità d’ambiente.

SAGRATO DELLA CHIESA
Silvio Castiglioni
in
IL VAMPIRO
Silvio Castiglioni legge e interpreta per
NeroNotteTeatro il racconto di John
William Polidori. Il naufragio dei buoni
sentimenti, l’innocenza come vittima designata;
e poi l’infatuazione, l’angoscia,
la paura e la follìa: ci sono tutti gli ingredienti
del repertorio gotico romantico
in questo piccolo capolavoro di suspense
del 1819. Il racconto, molto amato da
Goethe, ottenne all’uscita un enorme
successo, dentro e fuori l’Inghilterra, e
naturalmente scandalizzò i benpensanti.
Prima di allora infatti la fi gura del
vampiro era relegata nel repertorio delle
tradizioni popolari, dove abbondano storie
di morti che si levano dalle tombe e si
nutrono del sangue di creature giovani e
belle. Ora, e per la prima volta, faceva
irruzione in un’opera letteraria, attribuita
all’inizio nientemeno che al grande
poeta Lord Byron. Ne era invece autore
il suo attento e curioso segretario, il ventunenne
J.W.Polidori. (VENERDÌ, SABATO E
DOMENICA)
Bottega del Teatro di
Pierluigi Tortora
in
LASSAMME FA’ A DIO
VIAGGIO NELLA POESIA NOTTURNA
DI SALVATORE DI GIACOMO
di e con
Pierluigi Tortora
La Bottega del Teatro di Caserta esplora
in questo recital la grande poesia di
Salvatore Di Giacomo, autore anche di
straordinarie canzoni della tradizione
napoletana ottocentesca. Tre sono i brani:
Lassamme fa a Dio, ‘e cechate ‘e caravaggio,
‘a san Francisco; tre struggenti storie
della “nuttata” napoletana. Dio che con
San Pietro scende sulla terra, due ciechi
che dialogano su quello che non hanno visto,
un uomo che difende il suo onore nel
carcere. Pierluigi Tortora, autore, attore
e regista dello spettacolo, è fra i soci fondatori
dei “Teatri Invisibili” ed ha lavorato
con Toni Servillo, Iaia Forte, Anna Bonaiuto,
Paolo Sorrentino. Il recital è un’
anteprima prodotta per NeroNotteTeatro
2008. (VENERDÌ, SABATO E DOMENICA)
MANFRED
DA UN RACCONTO DI
GEORGE BYRON
di e con
Lorenzo Cecere
Manfred… Una storia… Un’ombra…
Un mago… Un maestro…L’attore che
attraversa “stanze” abitate e che ormai
abitano in lui. La diffi coltà di affrontare
la vita, l’oblio, l’amore per una donna,
madre, sorella, amante. L’abbandono,
il delirio, la morte come passaggio verso
un altro personaggio, verso un’altra
vita. Lorenzo Cecere attore formatosi
ai laboratori di Ruggero Cappuccio incontra
questo personaggio nel suo percorso
teatrale di collaborazione con la
Bottega del Teatro e Pierluigi Tortora.
(VENERDÌ, SABATO E DOMENICA)
PIAZZA DEL CASTELLO
Teatro della Luce
in
NIGREDO,
PASSAGGIO AL NERO
testo e regia di Roberto Caminiti
con
Elisa Cecchini, Maddalena Giampaoli,
Marco Gilio, Micol Giovanelli, Rosa
Gullaci, Beatrice Pazzaglini
Il Teatro della Luce riprende per l’occasione
uno dei più celebri racconti di
Edgar Allan Poe: “Il pozzo e il pendolo”
e lo reinterpreta in chiave alchemica. Il
Prigioniero nei sotterranei dell’ Inquisizione
sperimenta tutte le dinamiche
alchemiche per raggiungere il suo sogno
supremo: quello della libertà: Nel silenzio
dell’anima e nella deprivazione del corpo
comincia un rito iniziatico oscuro e terrifi
cante, un viaggio immaginario che lo
conduce alla discesa verso gli Inferi fi no
alla più profonda conoscenza di sé: Il sogno,
la libertà, l’alchimia rappresentano
per il Prigioniero le tappe della conquista
dell’essere (VENERDÌ, SABATO E DOMENICA)
C’è Chi C’ha Teatro
in
L’AUTENTICA VERITA’
DEI MORTI
con Fiorella Oriani e Samuele Vitri
Fiorella Oriani e Samuele Vitri, due artisti
poliedrici, presentano nella suggestiva
cornice della piazza del Castello una
nuova performance di teatro, pantomima
ed evoluzioni aeree ai tessuti, ispirata
al racconto di Guy de Maupassant
“La morta”, pubblicato nel 1887. In una
splendente notte d’estate, baciata dalla
luna e dalle stelle, due enigmatiche e
diafane fi gure, sospese tra l’onirico e il
reale, iniziano a raccontare la loro verità.
La follia, la paura, il mistero daranno
corpo e voce a movimenti sinuosi ed
estremi, fi no all’inesorabile, sarcastica e
ineluttabile “autentica verità dei morti”,
accolta solo dalla notte profonda e silenziosa.
(SABATO E DOMENICA)
Vladimiro Strinati
in
NERO DI ROMAGNA
NARRAZIONE CON OGGETTI
E FIGURE
di e con
Vladimiro Strinati
Uno spettacolo di racconti e leggende romagnole
dove l’umorismo si intreccia con
la paura. Fiabe e leggende che parlano
di mani vaganti, di cuoche, mogli e donne
audaci che sconfi ggono uomini bestiali.
Nella leggenda di Miranda, la mano
che ti segue, voci inverosimili vengono
raccontate come vere. In “Barbablù” la
giovane eroina ha un ruolo attivo: sfi da
il parere contrario del padre, si fa beffa
dello spietato Barbablù, e con audacia
libera le sorelle. Nella storia di “Panciasfonda”
ci troviamo di fronte ad un orco
vorace, di buon sangue romagnolo, che
preferisce divorare i prodotti della buona
cucina, piuttosto che bambini. E per
ultimo il Nano Morris, un discutibile novello
Barnum. (VENERDÌ E SABATO)
IL CAMPO DELL’ALBERO
Arrivano dal Mare !
in
FRALOMESCUR
TRA IL CHIARO E LO SCURO
con Arianna Di Pietro
Umberto Giovannini organetto diatonico
Andrea Branchetti organetto diatonico
Quando arrivava la notte, nella Romagna
del passato, nell’epoca in cui la luce spariva
col tramonto e si risparmiava persino
su ceri e candele, il buio era così denso da
procurare visioni e il silenzio era così assoluto
da udire presenze misteriose. Arianna
Di Pietro, giovane ma talentuosa narratrice
uscita dalla “scuola” del Fulèsta Sergio
Diotti, condurrà gli spettatori in un mondo
dominato dalla paura, ma aperto di tanto
in tanto da uno squarcio di meraviglia e
stupore. La accompagnano in questo viaggio
Andrea Branchetti e Umberto Giovannini,
due validi organettisti, tra i piu’ fedeli
collaboratori della compagnia “Arrivano
dal Mare!” di Cervia, ma anche dotati ciascuno
di una propria attività concertistica.
(VENERDÌ, SABATO E DOMENICA)
INGRESSO CASTELLO
L’Armonda Produzioni
in
FILASTROCCHE
MALINCONICHE
VINCENT E GLI ALTRI
con
Erica Bertozzini, Matteo Fazi,
Elisa Mancini, Roberto Serafini
regia Augusto Michelotti
Un viaggio nella poetica del visionario
Tim Burton, regista e sceneggiatore, attraverso
alcune delle sue surreali poesie
tratte da “Morte malinconica del bambino
Ostrica ed altre storie”: la Donna
orba da un occhio, l’Uomo insonne,
L’Amante respinto. Tre poesie ritradotte
per l’occasione in chiave fi abesca, con la
purezza infantile di una fi lastrocca, pur
mantenendo allo stesso tempo la densa
atmosfera di estraneità che le caratterizza.
Il lavoro è realizzato da “Lo Scricchetto”
un gruppo di giovani del Laboratorio
L’Armonda. Il testo è di Matteo
Fazi, Elisa Mancini, Roberto Serafi ni; di
quest’ultimo le traduzioni. (VENERDÌ, SABATO
E DOMENICA)
MURA DI LEVANTE
NicoNote
in
NOIR CHERIE
LIVE DJ SET
Si tratta di un Live Set per dischi, cd
e voce di NicoNote, performer e sperimentatrice,
pensato per NeroNotte-
Teatro – che si sviluppa in modo non
convenzionale seguendo il fi lo del Noir
– attraversando molti mondi sonori. NicoNote
propone 2 ore di musica (in cui
inserisce alcuni brani cantati live tratti
dalle sue produzioni) seguendo l’umore
del momento. Miscela musiche inedite
da lei prodotte ad altro, assemblando
contributi sonori di varia provenienza.
NicoNote segue una personale traccia di
trasversalità nel meraviglioso ed infi nito
mondo del Suono: “Noir, cherìe …”non si
defi nisce, non esclude sviluppi. (SABATO)
Orari e dettagli saranno comunicati all’ingresso e sul sito www.ottocentofestivalsaludecio.it

Un pensiero su “Nero Notte Teatro – Il cuore nero di 800 Festival

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>